Come aprire un Profilo Artisti su Spotify

Sei un’artista desideroso di far ascoltare la tua musica a più persone possibile?

Come fare per farti conoscere? I servizi di streaming sono sicuramente un’ottima soluzione e tra questi Spotify è senz’altro il migliore.

Sicuramente è possibile utilizzare piattaforme diverse: quelle social, come ad esempio Instagram, sono anche ottime per allacciare relazioni e farsi pubblicità. Spotify però è una soluzione più professionale in quanto rende possibile guadagnare dalla propria musica.

Sono passati i tempi in cui la pirateria e i download selvaggi la facevano da padrone: adesso la maggior parte degli utenti non acquista la musica ma preferisce affidarsi alle piattaforme di streaming musicale la cui diffusione e i cui ascolti aumentano vertiginosamente.

Già solo questo dovrebbe bastare per convincerti ad aprire prima possibile il tuo profilo da artista su Spotify, che tra queste è la più diffusa.

Come creare il tuo profilo artista su Spotify

L’app di Spotify è ormai presente sulla maggior parte degli smartphone sia Android che iOS e milioni di persone la utilizzano come il canale principale per l’ascolto della loro musica preferita e per scoprirne di nuova.

Ovvio che questo rappresenti per gli artisti una grandissima occasione per farsi conoscere, ascoltare e di conseguenza guadagnare, a patto di saperla utilizzare come si deve.

Questa grande opportunità è colta da migliaia di artisti che utilizzano Spotify per artisti per sfondare nel mondo della musica e molti hanno anche dei manager che li affiancano e li guidano in tutte le fasi necessarie a questo scopo.

Queste fasi comprendono sia la produzione musicale vera e propria, sia quelle di comunicazione con i propri fan. Costruire un’immagine che sappia coinvolgere e trascinare il proprio pubblico è sicuramente uno step fondamentale.

La famosa spunta blu, che dimostrerà la tua iscrizione a Spotify for Artist e ti differenzierà dai semplici fruitori di musica, identificandoti come artista professionale verificato, è quindi il primo step da completare nella strada verso il successo.

Ma diamo un’occhiata alle regole da seguire per evitare di farti commettere errori banali che potrebbero rallentare o danneggiare la tua carriera di artista.

Spotify for Artist: le regole di base

Uno dei motivi per cui Spotify è la piattaforma di streaming musicale più utilizzata sul pianeta è l’attenzione che pone verso gli artisti e la qualità della loro musica. Queste le regole fondamentali che devi seguire:

  1. Dovrai disporre di un account Spotify base per l’accesso a Spotify per artisti. Potrai anche crearlo durante la registrazione come Artista o Manager musicale.
  2. Fai molta attenzione alla riproduzione, anche solo parziale, di pezzi di altri artisti o basi musicali già esistenti. Anche se alcuni generi musicali ne fanno spesso uso, gli algoritmi di Spotify identificano e bloccano i brani che li comprendono.
  3. Occhio al testo dei tuoi brani! Quelli esplicitamente incitanti a odio e violenza sono contenuti vietati.
  4. Per essere artisti verificati i 250 follower richiesti obbligatoriamente in passato non sono più necessari.
  5. Tieni presente che la tanto agognata spunta blu ti sarà data solo dopo un opportuno processo di verifica. Sicuramente questo impiegherà giorni e in alcuni casi anche un paio di settimane.

Come creare l’account di Spotify for Artists

Non sono poi regole così complicate, ma è necessario conoscerle e osservarle prima di procedere con la registrazione vera e propria. Questi i successivi step da seguire:

  • Se già non sei in possesso di un account generico, quello che ti serve per ascoltare la musica, iscriviti a Spotify: ti basterà fornire le tue generalità, una mail valida e creare una password o in alternativa potrai anche accedere con il tuo account di Facebook. Clicca quindi su Iscriviti e procedi con la creazione del tuo nome utente, quello che ti identificherà tra tutti gli utenti.
  • Compila il modulo di verifica che ti verrà proposto.
  • Inserisci il link della tua pagina di artista.
  • Scegli ed inserisci il tuo nome artista.
  • Procurati una tua immagine in formato JPEG di 500 pixel per lato. Assicurati che non sia troppo pesante da caricare, al massimo 500 kb.
  • Inserisci anche il link al tuo profilo Twitter.
  • Attendi quindi pazientemente che il processo di verifica vada a compimento.

Gestire il proprio profilo su Spotify per Artisti

Quando infine potrai fregiarti della famosa spunta blu avrai a disposizione una dashboard per gestire il tuo profilo da artista. La tua home page è fondamentale: chiunque vorrà avere informazioni su di te arriverà qui. È indispensabile quindi curarla e tenerla sempre aggiornata.

Avrai a disposizione 1500 caratteri per inserire la tua biografia e potrai impostare dei collegamenti con altri artisti a te affini. Se hai un tuo sito web o anche magari una pagina Wikipedia che parla di te, questo è il posto dove farlo sapere.

Come sicuramente saprai Spotify funziona con le playlist. È fondamentale che tu ne crei una e che questa rappresenti i tuoi gusti musicali e la musica di altri artisti che ti è maggiormente affine.

Puoi gestire tutto ciò anche in mobilità tramite app, ma non da quella comune: esiste quella specifica di Spotify for Artist scaricabile sia per Android che per iOS.

Spotify per Artisti e la casa discografica

Puoi anche evitare di fare tutto da solo e farti seguire da persone più esperte, come un manager o una casa discografica, che ti consentirà di evitare errori nelle fasi di creazione e gestione del tuo profilo. Ovviamente sono servizi che si pagano, ma tutto sommato non hanno sempre un costo eccessivo e potrebbe valerne la pena.

Questo è un elenco di case discografiche che offrono questo tipo di servizio segnalate dalla stessa Spotify for Artist:

  • Distrokid – costa 20$ all’anno e rappresenta una delle soluzioni più convenienti
  • Emu Bands – una delle più care, quindi da valutare con attenzione il rapporto costo/beneficio
  • Awal – si prende circa il 15% delle tue royalty che provengono dalle piattaforme di streaming compresa ovviamente Spotify
  • Spinnup – per circa 10$ l’anno puoi inserire fino a due tuoi brani. All’aumentare di questi i costi crecono progressivamente
  • Tunecore – anche in questo i prezzi partono da poco meno di 10$ l’anno e ti permettono di inserire un brano per poi salire progressivamente. Offrono però servizi che ti supportano nella creazione della tua musica.
  • CD Baby – inserire un brano costa 9,95$ l’anno, un intero album 49$. Questo per i servizi base
  • Record Union – l’inserimento di due brani costa 7$ l’anno e anche in questo caso aumenta progressivamente.

Se però te la senti e vuoi risparmiare, crea e gestisci da solo il tuo account su Spotify per artisti.

Previous

Next