Spotify Web: Come ottenerlo e usarlo su IOS ed Android tutte le novità!

Spotify Web Player è l’unico modo facile e immediato per ascoltare la musica gratis senza dover subire l’ascolto delle interruzioni pubblicitarie. Questa modalità permette a tutti coloro che amano ascoltare la musica di Spotify senza dover per forza pagare l’abbonamento Premium.

Detta così sembra la soluzione che cercavi e valida per tutti i dispositivi. Purtroppo però devo dirti che Spotify Web Player vale solo per il desktop per cui non funziona sullo smartphone o sui dispositivi mobile. Non preoccuparti a tutto o quasi c’è rimedio e continuando a leggere l’articolo te ne renderai conto.

Iniziamo con Spotify Web: collegati al link e entra con il tuo account cliccando su Accedi. In caso tu non possedessi già un tuo account, allora clicca su Iscriviti e inserisci le informazioni richieste per ottenere la tua iscrizione a Spotify.

Ora basta che clicchi sulla lente di ingrandimento a sinistra e cerchi la canzone o l’artista contenuto nelle playlist e potrai ascoltare il brano senza nessuna interruzione pubblicitaria.

Ti consiglio infine di aggiungere al desktop la scorciatoia in modo da cliccare Spotify app direttamente, senza dover aprire ogni volta il browser. Per Chrome basta che vai sulla pagine di Spotify, in alto a destra clicca i tre puntini (è il menu di Chrome), vai su altri strumenti e premi crea scorciatoia.

Spotify Online valido per tutti i dispositivi e senza ascoltare la pubblicità, è solo Premium, in questo articolo affronterò il tema di come usufruirne gratuitamente in maniera perfettamente legale. Infine in 2 apposite sezioni viene descritta una modalità che ha il solo fine di informare, a tale scopo ti invito a prendere visione delle avvertenze riportate più in basso, a cui dovrai attenerti per non infrangere la legge che riguarda il diritto d’autore noto con il termine di copyright.

Infine ti parlerò anche delle novità come Spotify Podcast e Spofity Discovery, e di una possibile rivoluzione nel rapporto tra artista e follower: Spotify Stories.

Visto che Spotify si aggiorna spesso ci sono ulteriori importanti news che lo riguardano, alcune di esse promettono notevoli cambiamenti.

Spotify Online: come averlo gratis o quasi

Ora veniamo al modo di avere Spotify online per Android e iOS in maniera del tutto gratuita e legale, solo così infatti potrai godere di tutte le modalità di ascolto senza interruzioni pubblicitarie, compreso l’ascolto offline. L’abbonamento a Spotify Premium costa 9,99 € al mese, questa quota può essere semplicemente distribuita tra vari partecipanti in maniera del tutto legale.

Non ti sto dicendo di trovare degli amici o familiari per dividervi la quota mensile, ma di utilizzare un sito che cerchi gli altri partecipanti al tuo posto. Si tratta di Together Price che propone di fare il lavoro sporco di trovare un gruppo completo di utenti ogni 30 giorni, disponibile a pagarti una quota di abbonamento fino a coprire la cifra di 12,50 €.

Se tutto ciò si verifica sarà il sito a riconoscerti 2,50 in modo da avere la totale gratuità dell’abbonamento che normalmente costa 15 €. Il punto di partenza è avere un abbonamento Spotify Family attivo con 5 condivisioni a disposizione, gli abbonati attivi sono quindi 6 in totale.

Vai quindi su Together Price e iscriviti, cliccando Crea e attendi che si formi il gruppo di condivisione. Non ci sono commissioni ma un semplice wallet che ogni mese riceve la quota degli altri componenti del gruppo appena creato.

Puoi anche optare per essere tu stesso un componente di un gruppo di condivisione, partecipando con la tua quota mensile che è di 3,49 € al mese, con un risparmio notevole rispetto all’abbonamento Spotify Premium individuale di 9,99. In questo caso il sito applica una commissione compresa nel costo mensile.

Prima di passare alle altre sezioni dell’articolo è bene che tu prenda in seria considerazione ciò che leggerai qui di seguito:

Fai attenzione: le informazioni che vengono riportate in questo articolo non hanno lo scopo di incentivare la pirateria ma sono solo informative. L’uso che ne farai è una tua responsabilità. Queste informazioni riguardano procedure reperibili con facilità in rete.

Uomo avvisato mezzo salvato!

Come ottenere Spotify Premium Gratis su iOS

Rispetto al recente passato Spotify, con la sua proposta Premium ha reso possibile l’ascolto di musica in streaming, un modo nuovo e più ampio in grado di cambiare il nostro rapporto con la musica. I siti che permettevano l’ascolto di canzoni ragionavano in maniera differente, sostanzialmente dovevi richiedere, scaricare o ascoltare, ogni singola canzone pagando di conseguenza un servizio ad hoc. Spotify Premium ti lascia libero di ascoltarle tutte senza fare nulla e pagando solo un tot fisso al mese.

La versione gratuita di Spotify è anch’essa valida ma ovviamente ha delle limitazioni che riguardano l’ascolto della pubblicità, l’impossibilità del download per ascoltare i brani in offline e un numero di 6 skip. Oltre a questo c’è la questione della qualità del suono che è praticamente dimezzata rispetto alla versione Premium.

Tutto ciò che è previsto in Spotify Premium, con Spotify ++ diventa gratuito sia per iOS che per Android. Vediamo prima come funziona la versione per iOS.

Per prima cosa cancelliamo i dati di navigazione dei siti web da Safari: vai su Impostazioni e entra nelle impostazioni di Safari fino a trovare Cancella dati siti web e cronologia.

E’ importante che tu non abbia l’app di Spotify nello smartphone, per cui eliminala. Ora ci sono due differenti modalità:

  • Provare da un aggregatore che cerca per te l’App di Spotify,
  • Andare direttamente su un server che contenga la versione modificata dell’App, si tratta di App moddate.

Prima modalità: l’aggregatore dei risultati di ricerca

Ora recati su questo link da Safari: https://cyrushub.app/ questo sito contiene programmi e app modificate per iPhone e iPad. Occorre aggiungere l’icona dell’app alla homescreen del device.

CyrusHub in realtà va in ricerca di ciò che desideri da altre fonti, rispetto ai conosciuti TweakBox o TutuApp, non scarichi direttamente dal server di riferimento con il vantaggio di trovare sempre ciò cerchi.

Avvia quindi il programma di CyrusHub e cerca nelle Categorie quella che riguarda la musica, puoi anche scrivere il nome direttamente nella ricerca puntuale.

Come vedrai ti propone diverse fonti, non ti resta che sceglierla e fare tap su di essa. A download terminato tutto dovrebbe funzionare perfettamente.

Secondo metodo: TweakBox

Vai su Tweak e clicca su Download App. Quando avrà terminato di scaricare l’App cliccaci sopra e vedrai che ti domanderà di accedere con un profilo. A questo punto vai su Impostazioni e poi Generali fino a trovare la sezione della Gestione dei profili e dispositivo.

Cliccaci sopra e installa TweakBox. Puoi quindi accedere a TweakBox cliccandoci sopra dall’App già scaricata.

Vediamo ora come si ottiene Spotify Premium Gratis per iOS. Recati nelle Apps e dopo in Tweaked Apps, scorri fino a che non trovi Spotify ++, aprila e clicca su Install. Si apre un riquadro dove dovrai cliccare ancora Installa.

Spotify è ora scaricato e installato sulla home, quindi apri l’applicazione e vedrai che comparirà un avviso che ti informa che lo sviluppatore non è autorizzato. Vai quindi in Impostazioni, poi Generali e scorri fino a trovare Gestione profili e dispositivi, seleziona NARI Group Corporation o Xiaofu Ecommerce (Beijing) Co, Ltd, a questo punto Autorizza.

Ora apri di nuovo Spotify e Crea un nuovo account, per chiari motivi non usare come metodo di autenticazione Facebook e nemmeno un profilo già utilizzato, dovrai avere anche una nuova email di riferimento.

Giustamente Spotify si aggiorna di tanto in tanto, ciò potrebbe rendere non più funzionante l’App appena scaricata, per cui bisognerà ripetere i vari passaggi appena descritti.

Come ottenere Spotify Premium Gratis su Android

Se possiedi uno smartphone o un tablet con sistema operativo Android occorre scaricare un APK dedicato, per ottenere Spotify Premium Gratis per Android, ecco i vari passaggi da fare:

  • Come nel caso precedente non dovrai avere l’app di Spotify attiva sul tuo smartphone, quindi eliminala;
  • Bisogna prima scaricare un market di App, alternativo a quello ufficiale, che si chiama ACMarket, clicca sul link e attendi la fine del download;
  • Segui le indicazioni e procedi all’installazione, al termine avvia ACMarket;
  • Nella barra delle ricerche digita Spotify;
  • Ora fai tap sulla freccia verso il basso (download) e verrà scaricata la versione modificata di Spotify;
  • Ultima azione da compiere è l’installazione del programma, fine.

Si può anche scaricare direttamente il programma di Spotify Premium Gratis per Android tramite questo metodo:

  • Recati su com;
  • Nella barra delle ricerche digita Spotify
  • Apri l’ultimo post (fai attenzione alla data riportata);
  • Scorri fino a cliccare il tab azzurro/verde a sinistra Go to download page
  • In download links cerca la versione più recente di Spotify MOD ;
  • Scarica in DIRECT DOWNLOAD in alto a sinistra, è il primo tab;
  • Il file scaricato ora è pronto per l’installazione.

Spotify Premium Gratis per Android è pronto e funzionante, l’unica opzione che non hai a disposizione è quella di scaricare le canzoni per poi ascoltarle in offline. L’unico modo per oltrepassare anche questa limitazione gratuitamente è quella di scaricare MP3 da Spotify.

Queste procedure, come avrai ben intuito, non sono consigliabili per via di diversi motivi, il primo dei quali è sicuramente l’illecito nei confronti del diritto d’autore che viene infranto. Un altro e consistente motivo per non attivare queste modalità riguarda la sicurezza e la privacy del tuo device. Più volte si devono autorizzare fonti non attendibili, per questo motivo si corre il rischio di scaricare file e software indesiderati.

Cos’è Spotify Podcast

Continuiamo la nostra guida completa di Spotify Web parlando anche di tutte le ultime novità che lo riguardano. Da poco anche sulla piattaforma di Spotify è disponibile una sezione a disposizione per tutti i Podcasters per pubblicare contenuti, o meglio episodi, da condividere con i follower.

Questo nuovo strumento promette di portare il livello di professionalità ad un punto più elevato rispetto ad altre piattaforme di condivisione di streaming musicale. Lo strumento di analisi incorporato, da la possibilità ai Podcasters di verificare il livello di coinvolgimento di ogni contenuto caricato e pubblicato.

Il successo che ha finora raggiunto Spotify come streaming musicale assicura un pubblico molto vasto che in parte gradirà questa possibilità. I creatori di episodi da godere su Spotify Podcast, dal canto loro, avranno statistiche e indicatori riguardo il numero di ascolti medi, quelli totali e i tempi di ascolto.

Come sempre capire cosa va e cosa invece non è interessante, incrementerà la scelta e la qualità dei contenuti. Gli artisti hanno quindi un ulteriore strumento per raccontarsi a beneficio della massa o dei professionisti di settore che scrutano Spotify alla ricerca della prossima star.

Se sei quindi un creatore audio non ti resta che iscriverti su Spotify for Podcasters.

Cos’è Spotify Discover

Da qualche tempo una nuova funzionalità sta spopolando su Spotify, si tratta di Spotify Discover Weekly. Ogni lunedì, sulla traccia dei brani maggiormente ascoltati dall’utente, viene proposta una playlist studiata e adattata alle abitudini settimanali.

Il lasso di tempo di 7 giorni rende questa modalità abbastanza precisa sulle preferenze dell’ascoltatore e rischia di diventare la playlist dominatrice della sua sezione.

Se vuoi usarla non ti resta che andare nella sezione playlist dove la troverai in testa. Il suo funzionamento non si rifà unicamente agli ascolti precedenti, ma spazia nella musica nuova che trova nelle abitudini di ascolto di altri utenti che hanno i medesimi gusti di ascolto.

Per Spotify si tratta di una novità importante per questo motivo si può condividere con i propri contatti. Come nelle altre playlist il tempo di ascolto è di 2 ore totali.

Il nostro gusto musicale si evolve nel tempo e la modalità Discover Weekly intende prendere in considerazione questa possibilità. Il problema è che rischia di rimanere indietro nel tempo, con l’effetto di non risultare più adeguata alle esigenze dell’utente.

Un modo per aggiornare i propri gusti di ascolto potrebbe essere quello di andare sempre nella sezione playlist e cliccare play su Daily Mix 1, a questo punto le canzoni scorreranno ma con la possibilità di eliminare quelle che proprio non vogliamo trovare in nessuna nostra playlist.

Stesso risultato potrebbe ottenersi con la skippata in qualsiasi playlist o ascolto diretto, ma potenzialmente meno efficace del precedente metodo. Il calcolo dell’algoritmo di Spotify dovrebbe fare il resto.

Daily Mix 1 e Release Radar sono le altre due Playlist per un ascolto dedicato e semplice. La differenza nei confronti della prima Playlist rispetto a Discover Weekly è abbastanza chiara e riguarda l’intervallo di periodo di tempo, mentre nel caso della Release radar occorre spendere alcune parole in più.

La Release Radar è una playlist settimanale che si aggiorna ogni venerdì. Fin qui sembra un’antagonista della Discover Weekly, la differenza sta nel bacino di utenza dove pesca le canzoni adatte al nostro gusto. La Release riempie la playlist solo di nuove uscite per una durata totale che va da 1 ora e 30 minuti alle 2 ore complessive.

Cos’è Spotify Stories

Da quando Snapchat ha lanciato le Storie tutte le altre piattaforme si sono adeguate e ne hanno ricavato un interesse straordinario da parte dei loro affezionati utilizzatori.

Su Instagram le Stories sono probabilmente la modalità di fruizione più utilizzata e che ha lanciato in orbita il numero di utenti.

<div class="tenor-gif-embed" data-postid="13762946" data-share-method="host" data-width="100%" data-aspect-ratio="1.3333333333333333"></div><script type="text/javascript" async src="https://tenor.com/embed.js"></script>

Non poteva dunque mancare Spotify Stories per raccogliere affezionati di musica ma anche di narrazioni da parte dei loro autori. Storyline, questo il nome che è stato scelto per testare la nuova modalità, funziona quasi in maniera analoga agli altri Social che l’hanno preceduta.

La differenza sta nel protagonista delle Storie che è ovviamente un artista che parla al suo pubblico, fornendo contenuti che lo riguardano come ad esempio le prossime pubblicazioni, le date dei concerti o semplicemente cosa sta facendo o pensando. Le chart a disposizione possono essere cliccate per l’ascolto e la condivisione.

Questa funzione è in test per cui è disponibile solo su mobile e ad un gruppo ristretto di utenti, si dovrà attendere per vedere se si propagherà come negli altri esempi di social che ne hanno fatto la propria bandiera. Nel caso di Spotify non è per nulla scontato che possa divenire virale.

Scopri le novità di Spotify App

Vediamo ora quali sono le novità annunciate o carpite nel mondo di Spotify per i prossimi mesi, alcune sono davvero interessanti e sorprendenti come la prima riportata qui di seguito:

  1. Spotify ha il doppio degli abbonati di Apple Music, i due player più famosi al mondo litigano sovente per questioni importanti. Recentemente si è assistita ad una inversione di tendenza. Lo spunto lo ha fornito la funzione di Siri di riproduzione di musica a comando vocale. Di default Siri propone musica di Apple Music, ma specificando la parola Spotify si potrà attivare l’omonima app, se presente nell’iPhone o nel tablet iOS, con la novità di accedere alle proprie playlist. Il debutto potrebbe essere sancito dall’aggiornamento a iOS 13 della tecnologia SiriKit.
  2. Un’altra novità toglie anziché aggiungere. Si tratta del widget in homescreen per controllare l’app di Spotify sui dispositivi Android. Lo scarso utilizzo ne ha decretato la sua terminazione a vantaggio dei controlli di riproduzione che sono disponibili direttamente nel Lock Screen sotto forma di notifica.
  3. La modalità Spotify Connect è sotto sperimentazione e consiste nell’invio automatico del controllo di riproduzione sui dispositivi che si trovano nelle vicinanze. La stellina vicino al dispositivo preferito, determina quale di essi sia il principale e quindi attivo di default, mentre gli altri ricevono solo un avviso di richiesta di attivazione.
  4. Una novità molto attesa e in qualche modo anticipata da Sky, è quella della prova gratuita a Spotify Premium valida per 3 mesi. A metà agosto sui canali di Sky è apparsa la pubblicità che riservava ai nuovi abbonati Spotify Premium, ben 3 mesi di gratuità. Sembrava a tutti chiaro che non potevano coesistere modalità differenti di accesso alla prova gratuita.
  5. Una news che farà piacere agli affezionati di questa app è l’annuncio che Spotify ispirerà una miniserie. La trama narrerà di come una startup segreta e per giunta al di fuori dei consueti territori in cui sono state lanciate con successo planetario moltissime idee imprenditoriali, abbia potuto dominare il mercato musicale mondiale in pochi anni. Spotify Untold (marzo 2019) è il libro a cui si rifà la serie Tv. L’incrocio con l’altro colosso della musica mondiale, Apple Music, sarà esplicito. Steve Jobs verrà citato nei termini di un rivale poco leale poiché intento nel cercare di reclutare i dipendenti della compagnia svedese per far nascere Apple Music.

Dal numero e dalla consistenza delle novità che vengono periodicamente apportate alla piattaforma musicale di Spotify, se ne deduce che è in atto una vera e propria guerra commerciale per accaparrarsi il maggior numero di utenti possibili. Le vele in poppa ce le ha il gigante svedese che ha compreso come sia meglio occupare il maggior numero di dispositivi in qualsiasi versione che sia Free o Premium, per Android o iOS.

Conclusioni

Siamo nell’era di Spotify che ha di fatto messo all’angolo l’altro gigante della musica streaming mondiale. Il motivo del suo grande successo è la visione di fornire a tutti il godimento della musica di ogni genere.

L’abitudine di ascoltare la musica on the go tramite soprattutto Smartphone e iPod ha reso Spotify un’abitudine sociale e come tale durerà per molto tempo. Avere la possibilità di scaricare la versione Premium sia per iOS che per Android fa gola a molti giovani che non dispongono di sufficiente budget mensile.

Le possibilità che si aprono sono diverse ed alcune sembrano essere definitive e legali, con buona pace di tutti gli interessati.

Apple e Spotify stanno mettendo in atto una competizione senza precedenti, la base dello scontro non si limita alla presenza indiscriminata nei diversi dispositivi, ma si punta all’utilizzo quotidiano spingendo la modalità Weekly e Daily.

La scoperta di nuova musica spinge gli artisti emergenti a tentare la scalata nelle playlist dove vengono inseriti a dispetto della loro scarsa popolarità. Molte nuove star hanno saputo sfruttare proprio le novità di Spotify per raggiungere un pubblico planetario in pochi mesi.

Previous

Next

Submit a Comment